Questa è la certezza
del cuore

Roberta Scorranese

La Sicilia nello sguardo degli artisti e dei suoi figli

21 giugno - 5 luglio 2019 - Palazzo Ciampoli

Questa è la certezza del cuore è una frase tratta dal diario di un siciliano nato nel 1935, che a 73 anni decise di tornare a scuola per «imparare a scrivere meglio» e poter così annotare i ricordi di una vita. Il diario di Castrenze Chimento (questo il suo nome) è parte di quello scrigno conservato nell’Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano, una grande casa della memoria che da 35 anni raccoglie, seleziona, cataloga e premia i diari delle “persone normali”. Uomini e donne, colti e semi-analfabeti, giovani o anziani: in questi diari ci sono storie che ci assomigliano perché hanno la forza della vita vissuta. La mostra prende le mosse da alcune di queste testimonianze, scelte tra quelle siciliane presenti nell’Archivio, e incrocia le loro parole e le loro storie con una preziosa selezione di dipinti delle collezioni artistiche della Fondazione Sicilia. Una mostra, dunque, che vuole attraversare metaforicamente la Sicilia in un doppio viaggio: pittorico e narrativo. Da una parte le testimonianze di siciliani del secolo scorso, molti dei quali emigranti, e dall’altra le opere di pittori come Guttuso, Catti, Marchesi. E così, per esempio, ad una tela di fine Ottocento che raffigura la Marina di Palermo, affiancheremo le parole e la vita di Calogero di Leo, nato a Lucca Sicula, nell’entroterra agrigentino, ed emigrato in America, terra che gli riserverà, sì, una biuriful laif, ma che gli regalerà pure numerose disavventure. La scelta dei dipinti ha privilegiato due filoni principali: la natura e le persone. Troviamo i paesaggi di Antonino Leto e le sagrestie di Salvatore Marchesi; le visioni di Guttuso e gli scorci agresti di Francesco Lojacono; le vedute di Francesco Zerilli e i cortei in nero di Pippo Rizzo. 

Taobuk 2019 – Arti visive

L’arte in tutte le sue sfaccettature: la storia della Sicilia, la grande fotografia letteraria e l’arte contemporanea nei luoghi più caratteristici di Taormina. 

A cura di Roberta Scorranese.

 

Roberta Scorranese è abruzzese di origine e milanese di adozione. Laureata  in Lettere, si è formata alla scuola di Giornalismo di Perugia. Oggi è giornalista del Corriere della Sera, dove lavora come vice caposervizio nella redazione Eventi Culturali.

Orari: dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 22.